Sport News – SportH24 » Basket » Basket: bollettino di guerra dopo Bari-Napoli

Basket: bollettino di guerra dopo Bari-Napoli

by admin on venerdì, marzo 23rd, 2012

E’ inutile pensare che il malcostume degli incidenti durante gli eventi sportivi sia un fenomeno limitato al mondo del calcio. Certamente lo sport numero uno per praticanti e tifosi è più soggetto di altri a fenomeni di isterismo e violenza, ma anche in altre discipline, a tutti i livelli, possono verificarsi episodi che richiedono interventi decisi delle forze dell’ordine.

E’ quello che è capitato ieri sera al Palaflorio di Bari, dove si disputava la gara tra i padroni di casa della Liomatic e gli ospiti della BPmed Napoli, valida per il campionato di Divisione Nazionale A, la ex serie B d’Eccellenza o B1.

Al termine della partita, vinta per 63-61 dai partenopei, secondo la ricostruzione degli agenti di Polizia intervenuti, quasi tutti i tifosi ospiti, invece di risalire sui pullman con cui avevano raggiunto Bari, si sono diretti verso il parcheggio dei tifosi baresi per dare inizio agli incidenti. Grazie all’intervento delle forze dell’ordine il contatto è stato evitato ma non è stato impossibile impedire ai supporters napoletani il danneggiamento di alcune autovetture in sosta e il ferimento di due poliziotti. D’altro canto, gli agenti hanno immediatamente arrestato un pregiudicato di 24 anni, Carlo Marinelli, accusato di resistenza, violenza e lesioni gravi a pubblico ufficiale. I due poliziotti feriti da Marinelli e da altri teppisti campani guariranno in 15 e 25 giorni. Oltre all’arresto di un tifosi, ci sono state ben 40 denunce per danneggiamento e varie violazioni della legge sulla sicurezza delle manifestazioni sportive. Che l’intento non fosse esattamente quello di trascorrere una tranquilla serata di sport lo si è capito dal sequestro, avvenuto nel bus dei tifosi ospiti, di vari bastoni in plastica e fumogeni. Le due società hanno diramato una nota congiunta il cui esprimono la loro ferma condanna nei confronti di quanto accaduto.

“Ho sentito telefonicamente il presidente della Liomatic Bari Renato La Forgia – ha dichiarato il massimo dirigente di Napoli, Salvatore Calise -, al quale ho espresso il mio rammarico per i fatti di ieri sera. Deploro fortemente quanto accaduto al termine del match di campionato. Le nostre società lavorano con lo stesso obiettivo, esaltare i valori dello sport e condannare ogni forma di violenza. Abbiamo rinnovato la nostra amicizia, manifestata sia nella partita di andata che in quella di ritorno con uno scambio affettuoso di doni e speriamo di poter condividere futuri successi sportivi”.

Decisamente seccato il numero uno pugliese che non risparmia critiche alle forze dell’ordine: “La nostra è una grande amarezza per gli accadimenti di ieri. Episodi che credo si sarebbe potuto evitare con più accortezza da parte delle Forze dell’Ordine. Per questo, ho inviato una lettera al Questore, al fine di ottenere delle risposte sul futuro delle partite che si disputeranno al PalaFlorio, dove ieri, nonostante un dispiegamento di forze mai visto prima, è parso evidente che il dispositivo di sicurezza non abbia funzionato. Noi stiamo facendo un gran lavoro per avvicinare famiglie e bambini al nostro movimento e creare una community all’insegna dei più alti valori dello sport, ma a questo punto ci sembra lecito domandare al Questore: dobbiamo continuare sulla strada dello spettacolo o fermarci qui?”.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply