Sport News – SportH24 » Basket NBA » Basket NBA playoff: Chicago batte Phila ma perde Rose

Basket NBA playoff: Chicago batte Phila ma perde Rose

by admin on domenica, aprile 29th, 2012

Una sola gara può già condizionare tutto il resto dei playoff, non solo ad Est. La NBA ha vissuto una nottata decisamente ‘agitata’, non tanto per i risultati che, in tre casi su quattro, hanno rispettato il fattore campo, quanto per le notizie arrivate su Derrick Rose. L’ex MVP dei Chicago Bulls, già assente per molti match quest’anno, dovrà saltare tutte le gare rimaste in questa stagione a causa di un grave infortunio ai legamenti del ginocchio sinistro che renderà necessaria un’operazione. I Bulls hanno iniziato bene i playoff, sconfiggendo 103-91 Philadelphia (anche grazie ai 23 di Rose, finchè è rimasto in campo), ma la notizia del ko definitivo del play, con tutto il rispetto per i suoi sostituti Gibson e Lucas, è destinata a modificare gli equilibri della corsa verso la finale.

Non saranno stati molto dispiaciuti (sportivamente parlando, s’intende) della notizia dell’infortunio di Rose i Miami Heat, principali avversari di Chicago per il posto di finalisti a Est. LeBron James (32) e compagni hanno avuto un impatto devastante sui playoff, travolgendo per 100-67 i New York Knicks e, anche se tutte le serie sono al meglio delle sette partite, hanno mandato un segnale chiaro a tutti: ora che si fa sul serio, i ‘Big Three’ (in realtà Big Two perché Wade ne ha messi 19 ma Bosh si è fermato a 9) non vogliono più scherzare e puntano dritti verso il titolo.

L’unico successo esterno della notte è quello conquistato da Orlando sul parquet di Indiana: l’infortunio di Howard lasciava credere che i Magic sarebbero stati spacciati nei playoff, facili vittime di una squadra che è stata la grande sorpresa a Est; le cose invece sono andate diversamente perché il team di coach Van Gundy ha centrato subito l’impresa esterna vincendo 77-81 ed ha ribaltato il fattore campo, inizialmente favorevole ai Pacers. Senza Howard è stata una vittoria di squadra, con Nelson e Richardson autori di 17 punti e Davis a quota 16. Dall’altra parte non sono bastati i 19 di West e i 17 di Granger. La sensazione però è che la serie sarà lunga.

Vicinissimi al grande colpo i campioni in carica di Dallas che hanno ceduto 99-98 contro gli Oklahoma City Thunder nella gara più equilibrata della notte. Da un lato l’esperienza dei Mavericks che si sono affidati a Nowitzki (25) e Terry (20) e sono stati a lungo in vantaggio, dall’altra la gioventù e il talento dei Thunder, trascinati da Westbrook (28) e da Kevin Durant, 25 punti ma anche il canestro decisivo ad un secondo dalla fine. 1-0 Oklahoma City quindi, ma i playoff non sono la regular season e Dallas sarà avversaria durissima da superare.



Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply