Sport News – SportH24 » Basket NCAA » Basket NCAA, ecco le quattro regine per la Final Four

Basket NCAA, ecco le quattro regine per la Final Four

by admin on lunedì, marzo 26th, 2012

Quattro superpotenze del basket universitario, ma solo una di loro era partita come numero uno del proprio tabellone. Rispetto al solito, il tabellone finale del campionato di basket maschile NCAA ha riservato meno sorprese, ma non per questo si può dire che alla Final Four di New Orleans siano arrivate le squadre più attese.
Le sorprese ci sono state, altrimenti ora avremmo le quattro numero uno pronte a disputare le semifinali: non è così, ma non si può nemmeno dire che ci sia la classica Cenerentola (o Cinderella per dirla all’americana) che si presenterà al grande ballo, culmine della stagione universitaria e di quelle settimana di autentica follia (in senso di passione) che vanno sotto il nome, appunto, di March Madness, o ‘Pazzia di Marzo’.
Chi sono allora le quattro ammesse alla Final Four? Cominciamo dalla protagonista più attesa, vale a dire Kentucky: gli Wildcats, privati subito dell’ingombrante compagnia di Duke nel proprio Regional, hanno il prossimo numero uno del draft (Anthony Davis, pivot che ha segnato 18 punti, catturato 11 rimbalzi e dato 6 stoppate contro Baylor nell’ultimo match), hanno potenza e profondità d’organico, hanno perso solo due gare in tutta la stagione ed hanno un coach esperto come John Calipari. Saranno loro i favoriti ma in semifinale avranno di fronte Lousiville (altra università del Kentucky) in un derby che è anche una rivalità molto accesa. Ad aggiungere pepe c’è la sfida in panchina tra il già citato Calipari e Rick Pitino, pure lui di origine italiana, rivali già in tantissime sfide e pronti a tutto per portare la propria squadra in finale. Louisville ha battuto in rimonta Florida dopo aver eliminato Michigan State, numero uno del West Regional, e con il suo ranking numero quattro era la meno accreditata, sulla carta, fra le squadre che poi hanno raggiunto l’atto conclusivo.
L’East Regional ha consacrato Ohio State, i Buckeyes che hanno fermato i sogni di Jim Boeheim e dei suoi ‘arancioni’ di Syracuse: erano di fronte numero uno e numero due e sono stati proprio gli sfavoriti a prevalere, con 19 punti di Sullinger e 18 di Smith. Identico copione nel match tra due corazzate come North Carolina e Kansas: i Tar Heels, arrivati ai match decisivi senza il loro play e leader Kendall Marshall, non sono riusciti a reggere l’impatto dei Jayhawks che, sulle ali di un Tyshawn Taylor da 22 punti, hanno meritato un posto alla Final Four.
Sabato 31 marzo si giocheranno le semifinali, lunedì 2 aprile la finalissima, ultimo momento di ‘Pazzia’ prima di pensare alla stagione che verrà e ad un draft ricchissimo di talento.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply