Sport News – SportH24 » Calcio » Calcio Coppa Italia: il Napoli batte 2-0 la Juve e alza il trofeo

Calcio Coppa Italia: il Napoli batte 2-0 la Juve e alza il trofeo

by admin on domenica, maggio 20th, 2012

Dopo una stagione da imbattuti e imbattibili, impreziosita dallo scudetto, la Juventus cade nell’ultimo match ufficiale dell’anno e consegna la Coppa Italia al Napoli. I partenopei, a digiuno di trofei da oltre 20 anni, si impongono per 2-0 grazie alle reti di due dei tre ‘tenori’ (Cavani su rigore e Hamsik nel finale), salutando così, con ogni probabilità, il terzo tenore, Lavezzi, destinato a lasciare la squadra di Mazzarri e in lacrime dopo il fischio finale dell’arbitro Rocchi.

In un Olimpico gremito e blindato per il timore di scontri fra le due tifoserie, è il Napoli a partire forte, con alcune occasioni clamorose capitate a Zuniga e Lavezzi e con qualche perplessità su un fuorigioco fischiato a Cavani; la Juve balla molto in difesa, dove manca Chiellini e si sente, ma con il passare dei minuti trova il giusto assetto e non soffre più.

La favola di Del Piero in bianconero vorrebbe un finale con gol, ma il capitano, pur giocando qualche buon pallone, non ha mai l’occasione buona sotto rete. Pirlo smista palloni al bacio ma il più pericoloso è Marchisio che meriterebbe un rigore solare, visto da tutti tranne che dal direttore di gara che fa proseguire.

Il Napoli c’è e la gara è piacevole, anche se il risultato alla fine dei primi 45’ è inchiodato sullo 0-0.

In questi casi c’è spesso bisogno di un errore per sbloccare la situazione e, puntualmente, lo svarione arriva intorno al quarto d’ora sull’asse Bonucci-Storari. Il difensore di Conte non è determinato quanto dovrebbe, il portiere esce maldestramente su Lavezzi e procura il rigore che Cavani infila spiazzando lo stesso Storari.

Il Napoli si porta avanti e Conte cerca forze fresche togliendo Del Piero (all’ultimo atto ufficiale con la Juventus) e Lichsteiner per affidarsi a Vucinic e Pepe. L’assetto più offensivo crea difficoltà al Napoli e proprio pepe sfiora subito il pareggio, il team di Mazzarri (con Pandev al posto di Lavezzi) sembra incapace di uscire dalla propria metà campo ma quando lo fa, a meno di dieci dalla conclusione, è spietato: una ripartenza perfetta esalta le doti di assist-man di Pandev e quelle da spietato bomber del centrocampista Hamsik che, con grande freddezza nonostante la lunga corsa, infila il pallone sul secondo palo.

E’ la fine per i sogni di doppietta della Juventus e al Napoli non resta che attendere il triplice fischio per iniziare in campo una festa che proseguirà per diversi giorni nel capoluogo campano.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply