Sport News – SportH24 » Calcio » Calcio: Nigeria in lutto per la morte di Rashidi Yekini

Calcio: Nigeria in lutto per la morte di Rashidi Yekini

by admin on sabato, maggio 5th, 2012

Per gli appassionati di calcio nigeriani e africani in generale è stato uno dei bomber più grandi di sempre.

Per tutti gli sportivi è stato il ‘braccio armato’ di una squadra che fece innamorare di sé durante il Mondiale di Usa 94 e per gli italiani, in particolare, è stato il centravanti di quella nazionale che stava per estrometterci già agli ottavi di finale di un’edizione della Coppa del Mondo che, al contrario, ci vide arrivare fino all’atto conclusivo, cedendo poi ai rigori con il Brasile.

Rashidi Yekini, fisico pazzesco, fiuto del gol incredibile, si è spento all’età di 48 anni dopo una vita trascorsa in gran parte sui campi da gioco: era già un idolo nel suo paese quando affrontò l’avventura di Usa ’94 e quando, insieme a compagni di squadra diventati poi famosi in Europa come Finidi George, Oliseh, Amokachi, Amunike o il portiere Rufai, superò il primo turno battendo 3-0 la Bulgaria, poi quarta, e la Grecia. Di fronte all’Italia di Sacchi che aveva stentato nella prima fase, gli africani andarono vicinissimi all’impresa e solo un tiro angolatissimo di Roberto Baggio su assist di Mussi, quando ormai mancavano due minuti allo scadere del match, regalò ad una nazionale in inferiorità numerica per l’espulsione di Zola quel pareggio che poi si trasformò in una vittoria per 2-1 grazie ancora a Baggio.

Yekini tentò anche la strada dell’Europa, giocando molto bene in Portogallo e meno bene in altre squadre, prima di tornare a casa sua, in Nigeria, e continuare a segnare fino ad un’età imprecisata. Il centravanti di quella bella squadra, uscita tra gli applausi del pubblico americano, se n’è andato per cause non ben precisate, e noi lo vogliamo ricordare con un filmato che contiene i momenti più belli della formazione biancoverde (le ‘Super Eagles’) in quella rassegna iridata. Di sicuro gli sportivi ricorderanno il suo gol contro la Bulgaria e l’esultanza sulla rete della porta, una delle immagini simbolo di Usa ’94.



Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply