Sport News – SportH24 » Calcio » Calcioscommesse: arresti e perquisizioni anche nel ritiro della Nazionale

Calcioscommesse: arresti e perquisizioni anche nel ritiro della Nazionale

by admin on lunedì, Maggio 28th, 2012

Da un lato c’è il calcio giocato, la marcia di avvicinamento agli Europei e le scelte di Prandelli che incombono.

Dall’altro l’attualità giudiziaria che sta portando lo sport pallonaro su tutte le prime pagine dei giornali e sta regalando una pubblicità ben poco gradita all’Italia.

Il Gip di Cremona, Guido Salvini, ha emesso ben diciannove ordini di custodia cautelare (cioè di arresto) per altrettanti personaggi legati all’inchiesta Last Bet sulle scommesse e le partite truccate, con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla frode sportiva. Tra i nomi più importanti c’è senza dubbio quello di Stefano Mauri, capitano della Lazio, che figura tra i calciatori coinvolti maggiormente nelle ipotesi di ‘combine’. Arresto anche per Omar Milanetto, ex Genoa e attualmente al Padova, così come Cristian Bertani, attaccante della Sampdoria, ex Novara, Paolo Acerbis, portiere del Vicenza, Alessandro Pellicori, ex attaccante del Torino, Marco Turati, difensore del Modena, Matteo Gritti, portiere dei romeni del Petrolul Ploiesti e Ivan Tisci, ex centrocampista di varie squadre e ora direttore sportivo. L’ordine di arresto ha colpito altre persone non direttamente legate nel calcio giocato ma la bomba vera, quella che è esplosa qualche giorno fa ed è stata confermata dalle perquisizioni effettuate nella notte, riguarda il coinvolgimento nell’indagine di Antonio Conte, tecnico campione d’Italia con la Juventus, indagato per il periodo in cui guidava il Siena.

Oltre ala sua abitazione sarebbe stata perquisita anche la casa di Sergio Pellissier, attaccante del Chievo, e sono stati emessi provvedimenti di arresti domiciliari per l’attaccante Joelson, ex Grosseto, ed altri personaggi che hanno contribuito a creare la rete di partite truccate. Le vicende dell’inchiesta e quelle della Nazionale si sono intrecciate perché gli inquirenti hanno disposto la perquisizione anche della stanza di Mimmo Criscito, difensore dello Zenit San Pietroburgo, in ritiro a Coverciano proprio con la squadra di Prandelli e in predicato di far parte della lista definitiva dell’Italia per gli Europei.

Altri nomi finiti nell’inchiesta per partite aggiustate con la maglia del Genoa sono quelli di Giuseppe Sculli e Kakhaber Kaladze.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply