Sport News – SportH24 » Calcio » Chelsea-Napoli-4-1: partenopei fuori dalla Champions

Chelsea-Napoli-4-1: partenopei fuori dalla Champions

by admin on mercoledì, marzo 14th, 2012

Finisce 4-1 per il Chelsea la gara di ritorno degli ottavi di finale di Champions League e, con questo risultato, gli inglesi passano il turno mentre il Napoli deve salutare mestamente la massima competizione europea.

Prima occasione per il Chelsea ma De Sanctis è bravo a respingere un tiro di Sturridge su sponda di Drogba, poi però è il Napoli che sembra in grado di prendere in mano la partita. I ragazzi di Mazzarri vanno al tiro a ripetizione ma, un po’ per troppa precipitazione, un po’ per la bravura di Cech, non trovano la via del gol; ci provano a più riprese Cavani, Lavezza, Hamsik, Zuniga e Maggio (che poi esce per infortunio e viene rilevato da Dossena) ma, nel momento migliore del Napoli, sono i padroni di casa a colpire al 28esimo minuto. Ramires ha tutto il tempo di spostarsi il pallone sul destro e di effettuare un cross sul primo palo, Drogba anticipa il suo marcatore Aronica e di testa fulmina De Sanctis. La rete del bomber ivoriano rianima la squadra e il pubblico che stava assistendo allo show degli ospiti; la difesa partenopea mostra preoccupanti crepe sui palloni alti e, su azione susseguente a calcio d’angolo, Cannavaro interviene miracolosamente ad evitare il raddoppio certo del Chelsea. E’ l’ultimo sussulto di un primo tempo che vede il Napoli andare dieci volte al tiro ma solo tre nello specchio della porta, un’imprecisione decisamente eccessiva per sperare di indirizzare la gara sui binari più favorevoli.

La ripresa si apre con la doccia fredda del gol dopo due minuti di Terry, neanche a dirlo grazie a un colpo di testa su calcio d’angolo. La qualificazione passa nelle mani del Chelsea ma il Napoli, messo alle corde, reagisce da grande squadra, si riversa in attacco e, al 55’, ringrazia Inler che si rende protagonista di un autentico capolavoro. Il centrocampista svizzero raccoglie una respinta della difesa, controlla di petto e tira al volo di destro. Cech resta immobile e il pallone si infila nell’angolino destro della porta dei Blues, riportando il Napoli avanti nell’ambito del doppio confronto. Per gli inglesi è un duro colpo da cui faticano a riprendersi, Di Matteo lancia nella mischia lo spagnolo Torres al 63’ per aumentare il peso offensivo della sua squadra e poco dopo De Sanctis respinge d’istinto un pallone calciato da Ivanovic in piena area. Il portiere del Napoli è addirittura miracoloso al 65’ su una conclusione di controbalzo di Drogba, volando a deviare in angolo. Cinque minuti dopo il match ball capita a Zuniga che però perde troppo tempo in area e, quando va a concludere, non riesce a dare forza al pallone, facilitando la risposta di Cech. La partita è vibrante con gli inglesi che cercano la rete del 3-1 che rinvierebbe tutto ai supplementari mentre il Napoli va a caccia del gol della sicurezza. Le carte si rimescolano nuovamente al 74’ quando Dossena ferma con la mano un pallone in piena area: è rigore che Lampard non sbaglia, regalando il 3-1 ai suoi. Manca un quarto d’ora alla fine ma il punteggio non cambia più e così il passaggio ai quarti di finale viene deciso ai supplementari.

Brivido al nono minuto del primo tempo supplementare, quando De Sanctis sbaglia l’uscita ma Torres non ne approfitta; è il prologo del gol che, allo scadere dei primi 15 minuti extra, fa ripiombare il Napoli nel baratro. Il Chelsea manovra bene sulla linea di fondo, la palla finisce a Drogba che la gira in mezzo dove Ivanovic è solo e trafigge De Sanctis. Restano quindici minuti per raddrizzare la situazione, visto che una rete darebbe di nuovo la qualificazione agli azzurri. Mazzarri tenta il tutto per tutto con Pandev al posto di Hamsik ma la squadra è visibilmente stanca e fatica a costruire qualche occasione da rete, rischiando anzi sulle ripartenze di un Drogba indiavolato e di Torres. Un’eliminazione amarissima ma frutto dei troppi errori sotto porta nel primo tempo. Il Chelsea ringrazia e va avanti, il Napoli dovrà aspettare per scrivere la storia.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply