Sport News – SportH24 » Ciclismo su pista » Ciclismo su pista: a Melbourne si sta riscrivendo il libro dei record

Ciclismo su pista: a Melbourne si sta riscrivendo il libro dei record

by admin on giovedì, aprile 5th, 2012

Che si tratti dell’anno olimpico lo capisco dal livello delle prestazioni, decisamente superiore alla media.

I Mondiali di ciclismo su pista che si stanno svolgendo a Melbourne stanno però andando oltre ogni previsione, perché è vero che Londra non è così lontana, ma è altrettanto vero che manca qualche mese e il rischio di arrivare al top della forma troppo presto non lo vorrebbe correre nessuno.

La rassegna iridata in Australia sta però riscrivendo il libro dei record di diverse specialità in pista e questo sembra annunciare che a Londra ci sarà da divertirsi parecchio.

Nella prima giornata sono caduti i primati dell’inseguimento a squadre maschile, migliorato dalla Gran Bretagna con 3’53”295, e della velocità a squadre femminile, con la Germania che si è migliorata per due volte consecutive scendendo fino a 32”549. La seconda giornata è stata ancora più intensa per chi deve sostituire i nomi sui fogli che riportano i record; la beniamina di casa Anna Mears ha cancellato il primato dei 200 metri lanciati donne con un tempo (10”782) che è di oltre due decimi più basso rispetto al precedente limito, detenuto insieme dalla lituana Krupeckaite e dalla bielorussa Panarina. Poi è stata la formazione femminile dell’Australia (Edmondson, Hoskins e Tomic) a concedersi le luci della ribalta nelle qualificazioni della gara di inseguimento, con un nuovo limite mondiale a 3’17”053. Nemmeno il tempo di celebrare l’impresa e il record è subito caduto per mano della Gran Bretagna che, dapprima ha tolto qualche decimo nelle qualificazioni, poi si è ripetuta migliorandolo ancora nella finalissima contro le australiane, arrivando fino a 3’15”720 con una seconda parte di gara condotta letteralmente a velocità supersonica.

Fuochi d’artificio notevoli, quindi, e la sensazione che la battaglia per le medaglie olimpiche sarà serratissima.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply