Sport News – SportH24 » Calcio » Crisi del calcio italiano: cause e soluzioni

Crisi del calcio italiano: cause e soluzioni

by admin on martedì, maggio 5th, 2015

La crisi del calcio italiano ormai è nota a tutti, e le sue cause sono differenti: è necessario capire quale sono le problematiche che continuano ad affliggere questo mondo, e soprattutto come poterle risolvere.

Troppi stranieri in campo

La prima causa che risulta essere presente, e che contribuisce a rendere questo sport meno vincente in Italia, o comunque meno incisivo, consiste nel fatto che le squadre italiane preferiscono acquistare giovani promesse straniere e non sfruttare i vivai italiani.
Purtroppo questo è un dato di fatto: il giocatore straniero, giovane e di talento, prende il posto di un italiano che potrebbe essere meno talentuoso, ma che potrebbe comunque migliorare nel corso del tempo.
La problematica è anche da ricercare nelle scarse strutture d’allenamento: i giocatori infatti non si sentono valorizzati, e purtroppo tale situazione ha come un effetto negativo sulla loro psiche.
È importante sottolineare che, se i giovani italiani, che si impegnano e sono pronti a migliorare, venissero valutati e naturalmente schierati in campo, partendo dalle partite meno difficili, il calcio italiano potrebbe tornare a risplendere.
Questo per il semplice fatto che i giovani accumulano esperienza, e pertanto si sentono maggiormente invogliati e preparati nell’affrontare le grandi sfide che solo il calcio riesce a far nascere.

Pochi investimenti delle società

Anche le società hanno le loro colpe: i pochi investimenti per migliorarsi infatti non fanno che negare ai giovani la possibilità di potersi rendere protagonisti.
Questi infatti, vedendo che la situazione non migliora, perdono la voglia di mettersi in gioco, e dunque di dare il mille per mille sul campo.
La voglia dunque deve essere naturalmente implementata nel DNA dei calciatori, semplicemente con una struttura e con un team di esperti che permetta loro di poter ottenere degli ottimi risultati.
La crisi dunque è anche interna alle società, che spesso non fanno altro se non pensare agli interessi economici più che a rendere la propria formazione migliore sotto ogni punto di vista, affossando dunque la voglia dei giocatori, che pertanto pensano anche loro solo ad ottenere lo stipendio alla fine del mese.

Troppi protagonisti e spogliatoio movimentato

Inoltre è bene sottolineare che anche la situazione negli spogliatoi deve essere tenuta sotto controllo.
Troppo spesso infatti nascono delle rivalità inutili all’interno della formazione, che di fatto la rende meno incisiva e soprattutto poco convincente.
Un litigio o l’invidia dei giocatori spacca lo spogliatoio, e questo è accaduto anche nella nazionale italiana durante i recenti mondiali, quando all’interno dello spogliatoio veterani e nuove promesse non riuscivano a coesistere.
Troppi protagonisti e poco rispetto reciproco dunque creano una situazione insostenibile, che rovina il calcio italiano.
La soluzione sarebbe quella di valorizzare tutti i vari componenti della squadra, in maniera tale che nessuno di essi abbia una qualsiasi cosa da recriminare, o abbia motivazioni per le quali creare delle scissioni all’interno dello spogliatoio.
Tutti questi accorgimenti dunque potrebbero rendere il calcio italiano migliore, e soprattutto permetterebbero allo stesso di poter tornare a risplendere, come faceva diversi anni fa, quando giocare in Italia era il sogno che molti giovani, italiani e non, avevano custodito nel loro cassetto.

Fonte: pronosticiseriea.info/pronostici-serie-a

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply