Sport News – SportH24 » Nuoto » Europei nuoto: la 4×200 donne è d’oro, Di Tora e Barbieri d’argento

Europei nuoto: la 4×200 donne è d’oro, Di Tora e Barbieri d’argento

by admin on giovedì, maggio 24th, 2012

Il bello è nel finale, dopo una giornata dominata dai padroni di casa ungheresi. Agli Europei di nuoto di Debrecen è andata in scena la giornata dell’orgoglio magiaro, con gli atleti di casa che hanno vinto praticamente tutte le gare disputate. L’ultima, la staffetta 4×200 stile libero femminile, vedeva l’Ungheria favorita ma l’Italia ha deciso di rovinare la festa al pubblico e al presidente della repubblica, presente anche lui sulle tribune dell’impianto di Debrecen.

Mizzau (nella foto), Nesti, Carli e Pellegrini hanno concluso le loro sedici vasche con il tempo di 7’52”90, nettamente meglio del limite per qualificarsi alle Olimpiadi di Londra ma lontano dal record italiano che risale ai Mondiali del 2009. Un tempo sufficiente per ottenere l’oro proprio a danno dell’Ungheria, con una rimonta clamorosa firmata da Federica Pellegrini; la veneta è partita per la sua frazione con oltre un secondo e mezzo di ritardo rispetto alle magiare ma ha letteralmente mangiato Katinka Hosszu, infliggendole un distacco clamoroso e nuotando i suoi 200 metri lanciati in un favoloso 1’55”33.

L’oro delle ragazze della 4×200 stile libero non è stato l’unica medaglia azzurra della giornata: prima c’era stato lo splendido argento di Arianna Barbieri che si è confermata alla grande nei 100 dorso, nuotando in 1’00”54. Con il secondo posto e la qualificazione olimpica, la Barbieri è certamente ujna delle note liete di questa rassegna, ma è andata bene anche la giovane Carlotta Zofkova che ha chiuso al sesto posto la finale con un crono appena superiore a 1’01”.

Ancora dal dorso l’altra medaglia d’argento della giornata: è stato Mirco Di Tora ad ottenerla nei 50 con un eccellente 24”95, prima volta per lui sotto i 25” da quando non ci sono più i costumi super tecnologici. Inarrivabile l’israeliano Kopelev (24”73) ma per Di Tora è certamente un risultato di grande prestigio.

Una medaglia poteva arrivare domani nella finale dei 100 farfalla donne ma Ilaria Bianchi, che aveva appena stampato il secondo tempo in semifinale, è stata squalificata per aver prolungato la fase subacquea appena oltre i 15 metri previsti dal regolamento. Una delusione parzialmente mitigata dall’aver ottenuto comunque la qualificazione per Londra migliorando il suo personale. In finale ci sarà Silvia Di Pietro, quarta con 58”84 che ha migliorato di altri due centesimi il suo personale. Se vorrà guadagnare anche lei il biglietto per Londra, nella finale di domani dovrà scendere fino a 58”60.

Ottavo posto per Martina De Memme nella finale degli 800 stile libero con 8’38”86, promozione in finale nei 100 stile libero per Filippo Magnini, secondo crono delle semifinali con 48”84 alle spalle solo del favoritissimo francese Leveaux. Primo degli eliminati Santucci (49”47). Bene Flavio Bizzarri che, nella gara forse di maggior tasso tecnico fra quelle viste finora, i 200 rana, ha strappato un quinto posto in 2’12”47.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply