Sport News – SportH24 » Golf » Golf, c’è anche ‘nonno’ Couples in vetta al Masters

Golf, c’è anche ‘nonno’ Couples in vetta al Masters

by admin on sabato, aprile 7th, 2012

Il secondo giro del Masters di Golf ad Augusta, in Georgia (Stati Uniti), ha completamente rivoluzionato la classifica. Non c’è più in testa Lee Westwood, seguito da Hanson e Oosthuizen; in vetta c’è una coppia e uno dei due leader provvisori è un campione senza tempo che gli americani, ma non solo loro sognerebbero di vedere davvero in trionfo su uno dei campi più insidiosi del mondo.

Fred Couples, 52 anni, si è lasciato dietro tanti giovani leoni esprimendo il suo miglior golf, quello che l’ha tenuto a lungo fra i primi giocatori del ranking internazionale. Venti ani fa vinceva il Masters, ora ci riprova, guardando tutti dall’alto dopo trentasei buche insieme al sorprendente (pure lui) Jason Dufner, che pure può vantare un secondo posto al Pga Championship, altro torneo del Grande Slam.

La classifica è però molto serrata e sono tanti i big che inseguono a pochi colpi, pronti a rimontare posizioni in un torneo che ha vissuto il momento del ‘cut’, il taglio dei giocatori con score peggiori, ed ora sarà una continua accelerazione fino alla conclusione. Tra i favoriti resta ben piazzato il nordirlandese Rory McIlroy, rilanciatosi alla fine del primo round e protagonista di un buon secondo giro. Bene anche Mickelson che, pur tra mille difficoltà, si trova a soli tre colpi dai leader, e in posizione interessante anche Sergio Garcia e Lee Westwood. Più staccato Tiger Woods, distante otto colpi dalla vetta e molto nervoso, tanto da prendersela qualche volta anche con le sue mazze, ‘colpevoli’ di non spedire la pallina dove avrebbe voluto e vittime, in un’occasione, addirittura di un calcione che ha sorpreso tutti.

L’Italia ha ancora in corsa entrambi i fratelli Molinari, ma se Edoardo (nella foto) può essere contento di aver superato il taglio, Francesco ha sciupato quanto di buono fatto nel primo giro con un 75 che gli ha fatto perdere molte posizioni. Il tempo per recuperare, tuttavia, non manca.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply