Sport News – SportH24 » Nuoto » Nuoto: Europei da record per l’Italia pur con il ‘giallo’ Pellegrini

Nuoto: Europei da record per l’Italia pur con il ‘giallo’ Pellegrini

by admin on domenica, maggio 27th, 2012

Giallo come l’oro ma anche come l’epilogo di Federica Pellegrini. L’Italia ha concluso alla grande gli Europei di nuoto di Debrecen, in Ungheria, vincendo addirittura la classifica per Nazioni a suon di risultati eccezionali, con il coronamento costituito dal fantastico e storico oro della 4×100 mista maschile.
Alla vigilia dell’Europeo sapevamo di essere fortissimi nella rana con Scozzoli, forti nello stile libero con Magnini ma senza Dotto, discreti nel dorso con Di Tora ma molto indietro nel delfino.
Debrecen ci ha invece regalato un Magnini oro nei 100 stile e ci ha fatto scoprire un Rivolta da bronzo nei 100 delfino; ne è nata così una staffetta che, spingendo anche al limite i cambi, ha colto un risultato straordinario, mettendosi dietro nella gara e nella classifica finale i padroni di casa dell’Ungheria e la Germania. Pochi minuti prima erano state le ragazze della 4×100 mista a centrare l’argento con l’ottima Arianna Barbieri nel dorso (altra scoperta ad altissimo livello), con la solita e solida Chiara Boggiatto nella rana, con Ilaria Bianchi nella farfalla e Alice Mizzau nello stile libero. Federica Pellegrini non c’era perché anche lei, come tutti gli appassionati si nuoto, si stava interrogando su cosa le fosse successo al mattino. La Pellegrini è stata infatti eliminata in batteria nei 400 stile libero, gara che la vedeva al via con il ruolo di favoritissima e che le assegna un ruolo da possibile leader anche alle Olimpiadi. La nuotatrice veneta, oro nei 200 stile libero e nella 4×200 stile libero, medagliata anche con la 4×100, cercava la classica ciliegina sulla torta ma è uscita dalla vasca con una marea di dubbi e di punti interrogativi. La batteria doveva essere poco più di una formalità, invece lei si è sentita svuotata e non è mai stata in corsa per un tempo decente, lasciando spazio in finale alle altre due azzurre De Memme e Nesti che non sono riuscite a portare comunque il tricolore sul podio.
L’inaspettata battuta d’arresto della Pellegrini nei 400 non può certo cancellare un’edizione degli Europei che rimarrà nella storia, per il record di medaglia (18), per i 6 ori, per i tanti primati italiani cancellati, per l’ascesa di nuovi talenti (Paltrinieri nel mezzofondo su tutti) e per la certezza che il nuoto italiano e vivo e sta benissimo.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply