Sport News – SportH24 » Olimpiadi » Olimpiadi: Italia Settebell…ezze nella pallanuoto. E’ finale!

Olimpiadi: Italia Settebell…ezze nella pallanuoto. E’ finale!

by admin on sabato, agosto 11th, 2012

Grandissimi, immensi, più forti di un’avversaria fortissima. Gli azzurri della pallanuoto hanno sconfitto 9-7 la Serbia ed ora se la vedranno contro la Croazia per riportare in Italia la medaglia d’oro olimpica che manca da Barcellona 1992. La squadra di Campagna ha dominato una squadra piena zeppa di talenti incredibili, affidandosi ad una saracinesca di nome Stefano Tempesti e alla precisione sotto porta di Valentino Gallo, mancino terribile che ha segnato tre reti ed ha creato problemi a non finire alla difesa serba. Capitan Felugo, con una doppietta, e poi Perez, Gioretti, Presciutti e Premus gli altri nomi di un tabellino bellissimo per noi, un po’ meno per gli avversari che erano pronti al derby infuocato contro la Croazia, brava ad imporsi nella prima semifinale contro il Montenegro per 7-5. Unica ‘pecca’ di una partita straordinaria è stata la percentuale con l’uomo in più, solo 5/14 a differenza del 7/11 serbo, ma questo dato indica anche che l’Italia ha saputo bucare la difesa avversaria spesso in parità numerica, un’impresa non riuscita mai a Udovicic e soci. Gli azzurri sono stati sempre avanti, anche di tre reti sul 5-2 e sull’8-5, la Serbia ha provato a ricucire lo strappo ma non ce l’ha fatta ed ora possiamo sognare di bissare il Mondiale 2011 contro una squadra che ci ha già ‘suonato’ nel girone. Questa però è un’altra Italia, Campagna ha detto che sarebbe cresciuta ed è andata così. Chiedere per conferma anche ai maestri ungheresi che sono rimasti a casa a guardare le semifinali.

Niente da fare invece per l’Italvolley, travolta 3-0 dal Brasile e costretta ora a lottare per il bronzo contro la Bulgaria. Troppo forte il Brasile o troppo arrendevoli gli azzurri? Forse la verità è nel mezzo, perché i sudamericani sono stati impeccabili ma i ragazzi di Berruto sono stati i fratelli brutti di quelli che avevano mandato a casa i campioni in carica degli Stati Uniti. Il primo set è stato combattuto e il Brasile l’ha vinto 25-21, ma a quel punto, invece della reazione azzurra, c’è stato il monologo verdeoro nel secondo (25-12) che ha ulteriormente abbattuto i sogni dell’Italia di ritornare nella finale olimpica e vincere finalmente quell’oro sempre sfuggito, anche alla generazione di fenomeni dei vari Bernardi, Zorzi, Cantagalli e via dicendo. Come il Settebello, anche nel volley la prossima avversaria sarà una squadra già incontrata nel girone eliminatorio e che ci ha battuto sonoramente; quel 3-0 con la Bulgaria dovrà far riflettere tecnici e giocatori perché il bronzo è comunque un obiettivo importante da cogliere.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply