Sport News – SportH24 » Olimpiadi » Olimpiadi: storico oro di Molfetta nel taekwondo, Russo è d’argento

Olimpiadi: storico oro di Molfetta nel taekwondo, Russo è d’argento

by admin on domenica, agosto 12th, 2012

Ci siamo confermati un popolo di calciatori anche alle Olimpiadi, ma non inseguendo un pallone, bensì su un tatami. Merito di Carlo Molfetta da Mesagne che ha regalato il primo oro della storia all’Italia nel taekwondo, la disciplina più giovane nel programma olimpico che aveva già portato il tricolore sul podio il giorno precedente grazie al bronzo di Sarmiento e in cui i punti arrivano a suon di calci. Se però il campano era atteso dopo l’argento di Pechino, nessuno si sognava di chiedere un oro al pugliese che, dopo un cammino articolato e zeppo di difficoltà (tipo il successo nei quarti sul cinese Liu Xiaobo grazie ad un ricorso all’ultimo secondo e ad un colpo nei minuti supplementari), ha sconfitto in finale l’atleta del Gabon Anthony Obame per verdetto dei giudici. In svantaggio subito 4-0 e successivamente 9-5, Molfetta ha pareggiato a pochi istanti dalla fine con un calcio alto molto preciso e, dopo il nulla di fatto dei due minuti extra, è stato premiato dai giudici che gli hanno concesso una superiorità assolutamente giusta. Per l’Italia si è trattato dell’ottavo oro a Londra 2012, arrivato proprio mentre sul ring veniva decretata la sconfitta ai punti per 14-11 di Clemente Russo contro l’ucraino Usyk. Il nostro peso massimo, argento già in Cina quattro anni fa, ha pagato forse gli sforzi della semifinale e, consapevole di avere meno energie dell’avversario, ha cercato di impostare il match su ritmi bassi e pochi colpi a segno. Ha chiuso avanti il primo round per 3-1 ma nel secondo l’ucraino, campione del mondo, ha accelerato colpendo spesso il bersaglio e aggiudicandosi il round per 7-5. I tre minuti decisivi per l’oro sono quindi iniziati sull’8-8 e con i due pugili obbligati a dare il massimo per meritarsi l’oro; in quel momento è apparsa più evidente la stanchezza di Russo che ha subito alcune buone combinazioni di Usyk e non ha avuto le energie per replicare nel finale. Giusto quindi il verdetto in favore dell’ucraino e secondo argento olimpico consecutivo per Russo che, a differenza di Pechino, si è detto più soddisfatto ed ha già annunciato che vorrà riprovarci a Rio 2016.

Oggi l’ultima giornata con diverse occasioni di festa per l’Italia: nella finale per l’oro della pallanuoto il Settebello sfida la fortissima Croazia, le farfalle della ginnastica ritmica possono tentare l’assalto alla Russia e Roberto Cammarelle cerca di confermare a suon di pugni l’oro di Pechino nella finale dei supermassimi. C’è anche Italia-Bulgaria che vale il bronzo della pallavolo maschile. Da seguire anche la maratona e il pentathlon femminile. Un bel modo di chiudere l’avventura a cinque cerchi che ci ha dato finora 23 medaglie (otto d’oro, sette d’argento e otto di bronzo) e ci vede all’ottavo posto del medagliere.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply