Sport News – SportH24 » Basket NBA » Playoff NBA: Boston è l’ultima finalista di Conference

Playoff NBA: Boston è l’ultima finalista di Conference

by admin on domenica, maggio 27th, 2012

Miami contro Boston. Gli originali big three (Pierce, Allen e Garnett) contro i nuovi big three (Wade, James e Bosh se rientra). Una squadra di ‘vecchi leoni’ contro il team che doveva dominare la NBA ma finora non ci è mai riuscito.

Il campionato professionistico americano di basket aspettava l’ultimo nome per le due finali di Conference e quel nome è arrivato: i Boston Celtics hanno sconfitto 85-75 Philadelphia nella settima e decisiva sfida della serie di quarti di finale e così, in sordina rispetto agli anni scorsi ma con l’esperienza e la malizia della grande squadra, hanno raggiunto Miami nella serie che metterà in palio un posto da sfidante a chi passerà il turno ad Ovest fra San Antonio e Oklahoma City.

Come altri match della serie, anche gara 7 fra Celtics e 76ers è stata contrassegnata da molti (troppi) errori, con Boston frenata dall’imprecisione nel tiro da fuori (0/9 nel primo tempo con Allen ancora lontano da una forma accettabile) e Philadelphia a disagio a rimbalzo e troppo legata alle invenzioni di Holiday e Williams. Malgrado la buona partenza con Garnett e Rondo (nella foto), i padroni di casa hanno dovuto subire il recupero degli ospiti, mai domi, e la gara è rimasta in sostanziale equilibrio fin quasi al termine della seconda frazione, con i 76ers avanti sul 19-20 e ancora a contatto dopo una poderosa schiacciata di Iguodala per il -2 (32-34). Il finale di seconda frazione è stato tutto dei Celtics che sono andati al riposo sul +8 (41-33) ma la gara era tutt’altro che conclusa. La truppa di Doug Collins, con la difesa e l’orgoglio, è rimasta sempre vicina e ha sognato di piazzare il colpo quando Pierce è dovuto tornare in panchina per raggiunto limite di falli.

Mancavano oltre quattro minuti alla fine e Phila era sotto di appena tre punti, ma a togliere le castagne dal fuoco ci ha pensato Rondo che ha deciso di attendere il momento migliore per diventare un fattore anche in attacco oltre che a rimbalzo e negli assist. Con nove punti filati ha rimpinguato un tabellino che, alla fine, lo ha premiato con una tripla doppia (18 punti, 10 rimbalzi e altrettanti assist) ma, soprattutto, ha aiutato Boston a superare il momento difficile ed a portare a casa la vittoria che darà ai Celtics la possibilità di ‘vendicarsi’ di Miami, da cui furono eliminati un anno fa.



Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply