Sport News – SportH24 » Basket NBA » Playoff NBA: Miami parte bene con Boston nella finale ad Est

Playoff NBA: Miami parte bene con Boston nella finale ad Est

by admin on martedì, maggio 29th, 2012

Era facile prevedere che, nel primo atto della serie di finale, potesse pesare il diverso livello di stanchezza; i Miami Heat, vittoriosi in sei partite su Indiana in semifinale, hanno infatti avuto ragione dei Boston Celtics per 93-79, sfruttando il fattore campo e l’acido lattico nelle gambe dei biancoverdi dopo gara sette disputata contro Philadelphia.

Dopo l’eliminazione dei Chicago Bulls, questa era la finale che tutti attendevano ad Est e gli Heat, pur senza Bosh, la devono affrontare da favoriti: se a questo si aggiunge un’altra serata no di Ray Allen (1/7 dal campo) e la luna storta di capitan Paul Pierce (solo 5/18), ecco spiegati i soli 79 punti segnati da Boston che, con questo tipo di produzione offensiva, non può davvero ambire a battere una squadra che, solo da Wade e James, può contare già su una produzione di oltre 50 punti per gara.

I primi minuti sono stati dominati proprio da LeBron James che, con 13 punti filati, ha fatto capire ai rivali che sarebbe stata durissima uscire da Miami con un successo. Garnett, il migliore dei Celtics, ha tenuto a galla i suoi nel momento più difficile e così Boston si è risollevata sul finire del secondo periodo, affidandosi ai redivivi Rondo (16 e 7 assist alla fine) e Pierce. Dopo il 46-46 dei primi 24’, la gara è ripartita nel segno dei soliti due (James e Wade) che hanno propiziato il nuovo allungo Heat. Con una difesa in grado di far fare a Boston solo scelte sbagliate, Miami ha messo decisamente la freccia e, chiuso il terzo periodo sul +13, ha confezionato un altro mini parziale di 6-0 all’inizio del quarto periodo, chiudendo definitivamente i conti.

Migliore in campo LeBron James (32 e 13 rimbalzi), solido anche Wade (22) e molto carico tutto l’ambiente del team della Florida che sogna di tornare in finale e vincere finalmente quel titolo atteso dal giorno dell’arrivo di James e Bosh.



Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply