Sport News – SportH24 » Basket NBA » Playoff NBA: San Antonio è un rullo compressore

Playoff NBA: San Antonio è un rullo compressore

by admin on giovedì, maggio 3rd, 2012

C’è chi è abituato a vincere e chi lo ha fatto per la prima volta. Ma c’è anche chi ha saputo risollevarsi dopo un esordio pessimo ed ora viaggia a vele spiegate verso le semifinali di Conference.

I playoff NBA hanno esaltato Indiana, vittoriosa 97-74 sul parquet di Orlando e tornata in pieno controllo della serie con i Magic. L’assenza di Dwight Howard doveva pesare e sta in effetti pesando, il team della Florida subisce terribilmente sotto canestro e se questa carenza era stata misteriosamente mascherata in gara 1, ora sta emergendo senza mezzi termini e il solo Glen Davis (22 punti) non può contrastare l’intera batteria lunghi dei Pacers. La squadra di Indianapolis parte bene, si porta avanti ma poi si rilassa un po’ e Orlando resta a contatto fino a metà partita, nonostante gli appena 38 punti a referto. Nel terzo periodo l’allungo decisivo firmato dal solito Granger (26 punti alla sirena) e dai muscoli di Hibbert (18+10) che lanciano gli ospiti fino al +21 e annichiliscono i Magic. Difficile dire cosa possa fare Orlando per rimettere in piedi la serie, anche perché il tiro da tre punti soffre l’assenza di Howard che faceva collassare la difesa e creava spazi per i tanti cecchini dal perimetro.

Chi non ha problemi è San Antonio, guidato dall’allenatore dell’anno Gregg Popovich (nella foto con Tony Parker); gli Spurs dominano ancora una volta gli Utah Jazz e si preparano al viaggio nello stato dei Mormoni con un comodo 2-0 di vantaggio. Gara due non inizia mai, troppo evidente la supremazia dei texani che toccano anche il +38 nella ripresa e sembrano di  un altro pianeta rispetto ad al Jefferson e soci. Inutile sottolineare ancora una volta la distribuzione di punti perfetta degli Spurs, abbinata ad una solidità difensiva incredibile che strangola i Jazz e riduce all’impotenza i suoi principali terminali d’attacco.

Torna in parità invece la serie tra Memphis e Los Angeles Clippers dopo il successo dei Grizzlies per 105-98 nella seconda partita. I californiani ci riprovano con Paul e Griffin sugli scudi (51 punti in due) e sognano di poter sfruttare il contraccolpo psicologico dell’incredibile rimonta in gara uno, ma trovano sulla loro strada una coppia immarcabile come quella composta da Rudy Gay e O.J. Mayo che vanno oltre quota 20 e guidano al successo la propria squadra. Nell’ultimo periodo i padroni di casa salgono al +8, i Clippers recuperano metà dello svantaggio ma non vanno oltre e devono incassare la sconfitta in quella che, basandosi su quanto visto finora, appare come una delle serie più equilibrate di tutti i playoff.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply