Sport News – SportH24 » Varie » Poker cash +67,6% in Italia per effetto della recente regolamentazione

Poker cash +67,6% in Italia per effetto della recente regolamentazione

by admin on giovedì, febbraio 14th, 2013

AAMS_poker_2012

L’Italia con la recente regolamentazione delle nuove categorie di giochi a distanza (poker e slot machine online) ha introdotto interessanti normative che oltre che a migliorare il mercato, potrebbero essere prese ad esempio a livello comunitario. Per effetto della recente regolamentazione di molti giochi online come il poker e delle tendenze del mercato europeo ed italiano, c’è stato un incremento della spesa per il poker cash del 63,6% mentre è calato la spesa destinata ai tornei di poker del 37,6% rispetto al 2011.
In generale però, il settore del poker raffrontato ad i consumi in calo delle famiglie e da una stretta sulla spesa negli altri giochi con premio in denaro (che nel 2012 hanno registrato un calo del 4,6%), ha subito un lieve aumento anche se gli ultimi mesi del 2012 hanno visto un calo generale rispetto al resto dell’anno. E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto AAMS sulla raccolta del poker online e dei giochi a distanza.
Sicuramente nel 2011, anno dell’introduzione del cash poker online “legale”, l’effetto della novità e quello del ritorno di molti giocatori che dai giochi illegali, dai casinò online senza licenza e da quelli stranieri, ha sortito il decisivo effetto di crescita. È proprio questo recupero di giocatori accaniti che da casinò illegali si sposta a quelli legali a bilanciare la generale contrazione causata dalla crisi ed a dimostrare l’effetto positivo della legge.
La regolamentazione applicata è considerata efficace e positiva, soprattutto la norma che tassa la raccolta netta dei casinò, cioè la raccolta meno le vincite che da ampio respiro ai proprietari dei siti di poker. Se fosse stata tassata la raccolta totale questo avrebbe inciso molto sulle entrate dei casinò che si sarebbero visti costretti ad applicare payout più bassi causando un relativo fuggi fuggi di giocatori su circuiti illegali o con licenze di altre giurisdizioni, spesso paradisi fiscali, togliendo così cifre interessanti all’economia italiana. In tutta Europa i giochi di questo tipo sono in calo e ci sono stati che ancora non hanno le norme giuste per regolamentare il settore del cash poker e slot machine online. L’Unione Europea ha recentemente istituito una commissione di esperti per stilare un Libro Verde sui giochi d’azzardo online che hanno allo studio il caso Italiano. Per una volta quindi c’è qualcosa di cui andare fieri: una normativa efficace che rende più agevole il mercato e impone una tassazione che non ostacola gli affari. Per ottenere dati certi sull’andamento del settore del poker cash online in Italia in ogni caso bisognerà attendere la fine di quest’anno. Data la recente introduzione del poker cash legale (luglio 2011) è ancora troppo presto per fare previsioni.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply