Sport News – SportH24 » Tennis » Sara Errani dedica a Morosini il suo trionfo a Barcellona

Sara Errani dedica a Morosini il suo trionfo a Barcellona

by admin on domenica, aprile 15th, 2012

Un trionfo, il quarto della carriera nel circuito maggiore, e una dedica speciale. Sara Errani ha confermato la tradizione che vede le tenniste italiane dominare sulla terra rosa di Barcellona e, dopo Roberta Vinci (2009 e 2011) e Francesca Schiavone (2010), ha iscritto anche il suo nome nell’albo d’oro del torneo catalano.

Vittima della 24enne romagnola in finale è stata la slovacca Dominika Cibulkova, numero 17 del mondo e testa di serie numero tre del tabellone, che si è dovuta arrendere in poco più di un’ora di gioco ad una Errani apparsa in grandissima forma e vittoriosa per 6-2 6-2.

Equilibrio solo nelle battute iniziali del primo set, quando la Cibulkova ha recuperato il break di svantaggio sullo 0-2 recuperando fino al 2-2; da quel momento in poi il match è stato letteralmente a senso unico, l’azzurra ha infilato quattro games di fila per chiudere vittoriosamente il primo parziale e, sullo slancio, si è issata subito 2-0 anche nel secondo set.

La Cibulkova, costretta sempre sulla difensiva dai colpi precisi e incisivi della Errani, non è mai entrata in partita e, in pochissimo tempo, si è trovata ad inseguire sul 5-1 con l’incontro ormai sfuggitole di mano. Ha annullato i primi due match point sul suo servizio ed ha recuperato un game, ma nel turno di battuta successivo della Errani sono stati ancora gli errori della Cibulkova a dare il meritato trionfo alla giocatrice romagnola, capace quest’anno di trionfare già ad Acapulco e di raggiungere i quarti di finale agli Australian Open. In carriera, la Errani aveva già vinto nel circuito WTA anche a Palermo e Portorose nel 2008, segno che, evidentemente, quando riesce a vincere un torneo poi riesce facilmente a fare doppietta.

Nel corso della cerimonia di premiazione ha voluto ricordare Piermario Morosini, il giocatore del Livorno morto per un malore in campo a Pescara. “Il mio primo pensiero va al povero Piermario tutto il mondo dello sport è vicino ai suoi familiari”. Una dedica che merita un applauso in più, così come da applausi è questo inizio di 2012 di un’atleta che sembra aver finalmente raggiunto la sua completa maturazione.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply