Sport News – SportH24 » Tennis » Tennis: Nadal si conferma re di Montecarlo

Tennis: Nadal si conferma re di Montecarlo

by admin on domenica, aprile 22nd, 2012

Se Wimbledon era considerato il giardino di casa Federer, bisogna dire che Montecarlo è la terra di casa di Rafa Nadal: lo si sapeva già da qualche anno ma adesso la questone è diventata palese.

Il maiorchino ha centrato l’ottavo successo di fila nel prestigioso torneo monegasco, compiendo un’impresa (otto titoli di fila in un torneo del circuito ATP) che nessuno aveva mai realizzato prima d’ora. Un exploit tanto più grande se si considera come il tennis sia cambiato e quanto sia difficile mantenersi per molti anni ai vertici, complici lo stress fisico e psicologico che colpisce di solito i grandi campioni.

La finale odierna, contro il numero uno del mondo Novak Djokovic, prometteva spettacolo ed equilibrio, con il miglior rivale possibile per spezzare l’incredibile egemonia dello spagnolo sulla terra rossa di Montecarlo. Le cose sono invece andate diversamente, Nadal è stato impeccabile al servizio, in risposta, nel dritto da fondo campo, arma letale in questa occasione, ed ha lasciato le briciole al suo avversario.

Dopo il 6-3 del primo set qualcuno si attendeva la reazione di Djokovic ma Nole è sembrato in completa balia del suo rivale, ritrovandosi sotto in pochissimo tempo per 4-0 anche nel secondo parziale. Un break, nell’unico mini passaggio a vuoto di Nadal, ha fatto sussultare gli spettatori che si auguravano di assistsre ad un match e non ad un monologo, ma la speranza è durata pochissimo perchè il serbo non ha tenuto il turno di battuta successivo ed ha finito con il consegnarsi a Nadal per 6-1 in poco più di unì’ora complessiva di gioco.

Una finale deludente per chi cercava equilibrio e battaglia, ma una finale perfetta per Nadal e i suoi tifosi: con la stagione sulla terra rossa appena iniziata, la conferma arrivata da Montecarlo è che sarà sempre lui il tennista da battere su questa superficie.

Share on Facebook
Share on Twitter

Leave a Reply